https://www.compost.it/wp-content/uploads/2018/07/banner-master-cnr.png

Circ. n° 039/2021 – Prot. n° S 615/R – PNRR: pubblicati i primi due decreti su rifiuti e iniziative “flagship”

Roma, 06/10/2021

Prot. n. S 615/R

Circ. n. 039/2021

 

Gentile Associato,

con due distinti decreti – il DM 396/2021 e il DM 397/2021, che alleghiamo alla presente – emanati lo scorso 29 settembre, il Ministero per la Transizione ecologica (MITE) ha definito i criteri per la selezione dei progetti su rifiuti ed economia circolare da finanziare con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Si tratta, in particolare, degli interventi previsti alla componente 1 della Missione 2 del PNRR, per i quali sono disponibili poco più di due i miliardi ripartiti su due linee d’investimento: la prima, di 1,5 miliardi (DM 396/2021) è dedicata alla realizzazione di nuovi impianti di gestione dei rifiuti o l’ammodernamento di impianti esistenti, quindi può riguardare anche gli impianti che trattano rifiuto organico. La seconda (DM 397/2021), del valore di 0,6 miliardi, riguarda la realizzazione di iniziative ‘flagship’ per le filiere di carta e cartone, plastiche, RAEE, tessili, quindi non del rifiuto organico.

Per entrambe le linee, si prevede che Il 60% delle risorse complessivamente disponibili sarà destinato alle Regioni del Centro-Sud: Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Molise, Abruzzo, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna.

Nel caso della prima linea di investimento relativa alla gestione dei rifiuti, i destinatari dell’avviso sono gli Enti di Governo d’Ambito Territoriale Ottimale (EGATO) o, laddove questi non siano stati costituiti, i comuni, anche avvalendosi del gestore del servizio.

Nell’ambito di questa linea di investimento sono previste 3 linee d’intervento:

  1. miglioramento della raccolta differenziata (massimo erogabile 1 milione di euro per ciascuna proposta)
  2. ammodernamento e realizzazione di nuovi impianti per rifiuti urbani differenziati (massimo 40 milioni di euro)
  3. ammodernamento e realizzazione di impianti innovativi dedicati a rifiuti da prodotti assorbenti, fanghi di acque reflue, rifiuti di pelletteria e i rifiuti tessili (massimo 10 milioni di euro)

 

Sono esplicitamente esclusi dalla possibilità di finanziamento discariche, impianti di trattamento meccanico o meccanico-biologico, inceneritori, nonché l’acquisto di veicoli per la raccolta dei rifiuti.

La “roadmap” definita del decreto prevede che:

  • entro il prossimo 14 ottobre, il MITE pubblicherà gli avvisi per la presentazione delle proposte progettuali
  • entro il 31 dicembre 2023 i soggetti destinatari delle risorse dovranno aver individuato i soggetti realizzatori di ciascun intervento
  • entro il 30 giugno 2026 gli interventi finanziati dovranno essere completati.

 

Tra i principali criteri di valutazione si prevedono, per la linea di intervento 2 relativa all’ammodernamento/realizzazione di impianti:

  • Incidenza delle tonnellate trattabili dall’impianto (o dall’ammodernamento dello stesso) oggetto dell’Intervento rispetto alla quantità di rifiuti, del medesimo genere, prodotta e non già trattata nell’ambito territoriale di appartenenza
  • Scarsità di impianti funzionanti e analoghi a quelli oggetto dell’Intervento nell’ambito territoriale ottimale
  • Coerenza con l’attuale sviluppo tecnologico del settore di riferimento
  • Contributo alla risoluzione delle infrazioni individuate dall’UE e sinergie con altri piani settoriali (ad es. PNIEC)

 

Le proposte presentate nell’ambito delle due linee di investimento principali saranno oggetto di selezione e valutazione da parte di un’apposita Commissione, nominata con successivo decreto ministeriale, che sarà composta da n. 3 membri nominati dal MITE, di cui uno con funzioni di presidente di Commissione, n. 6 membri in rappresentanza di ISPRA ed ENEA, n. 4 membri indicati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, in rappresentanza delle diverse aree geografiche: Nord, Centro, Sud e Isole e n. 2 membri in rappresentanza dell’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA).

 

Certi di aver fatto cosa gradita, porgiamo distinti saluti.

 

La Segreteria CIC

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn

C.I.C. - Consorzio Italiano Compostatori

Sede legale
Via Boncompagni 93 –  00187 Roma

Sede operativa
Via Dalmazia, 2 – 24047 Treviglio  (BG)

Tel. +39 06-68584295 – Fax. +39-0363-1801012

E-mail: cic@compost.it

PEC: consorzioitalianocompostatori@legalmail.it

CHI E’ IL CIC

Il Consorzio Italiano Compostatori è un’organizzazione senza fini di lucro che si occupa di promuovere e valorizzare le attività di riciclo della frazione organica dei rifiuti dei sottoprodotti e ha come finalità la produzione di compost e biometano.

Approfondisci 

DIVENTA SOCIO CIC

ll Consorzio Italiano Compostatori riunisce e rappresenta diverse tipologie di soci, suddivisi in tre diverse categorie: Soci Ordinari, Soci Aderenti, Soci Ordinari di Categoria. Tutti i consorziati beneficiano dei servizi di gestione e promozione delle attività offerti dal CIC.

Scopri come diventare Socio.

Copyright © 1999 – 2021 – All Rights Reserved C.I.C. – Consorzio Italiano Compostatori | P.Iva: 01813631205 – Reg. Imprese Roma e C.F.:01403130287

Privacy policyCookies policy /  Stato attuale: AccettatoStato attuale: Negato | Credits

Cerca sul sito

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
post
page
Filtra per Categorie
Comunicati stampa
Conferenza Nazionale sul Compostaggio
Documentazione tecnica CIC
Formazione CIC
Iniziative concluse
Iniziative in corso
News
Rapporti CIC