https://www.compost.it/wp-content/uploads/2018/07/banner-master-cnr.png

Circ. n° 008 – Prot. n° S 135/R – Esito incontro ARERA del 07.02.2020

Roma, 11/02/2020

Prot. n° S 135/R

Circ. n° 008/2020

 

 

Spettabile Azienda,

lo scorso venerdì 7 febbraio il CIC è stato convocato da ARERA, presso la sede di Milano di quest’ultima, per discutere i chiarimenti richiesti dal Consorzio relativamente agli obblighi di iscrizione all’anagrafica operatori e al pagamento dei contributi di funzionamento dell’Autorità.

Presenti per il CIC, il Direttore e il coordinatore del Comitato Tecnico.

Presenti per ARERA il Direttore della Direzione Ciclo dei Rifiuti Urbani, dott. Grossi, la vice-direttrice dott.ssa Putzu e il responsabile dell’unità regolazione tariffaria, dott. Jachello.

L’incontro, oltre a sciogliere i dubbi sorti, è stato anche un’occasione di confronto costruttivo in previsione di un auspicabile maggiore coinvolgimento del CIC nel percorso di regolazione tariffaria.

Relativamente ai quesiti sottoposti dal CIC, ARERA ha così risposto:

  1. L’obbligo di iscrizione all’Anagrafica Operatori, aperta per i gestori di rifiuti con comunicato del 4 luglio 2019, riguarda tutti i soggetti gestori di impianti di trattamento dei rifiuti urbani, rifiuti assimilati agli urbani o rifiuti che, pur avendo codici EER diversi da quelli degli urbani, derivano dal trattamento di rifiuti urbani;
  2. Per quanto riguarda la base imponibile per il calcolo del contributo  per il funzionamento dell’Autorità, il cui termine è stato fissato nel 17 gennaio con determinazione 173/DAGR/2019 dello scorso 19 dicembre, è stato stabilito che:
    1. costituiscono base imponibile i ricavi del conferimento dei soli rifiuti di cui al punto precedente (urbani, assimilati, rifiuti derivanti dal trattamento di urbani e assimilati);
    2. Non sono da considerare invece i ricavi derivanti dalla vendita dei prodotti generati dal trattamento dei rifiuti, se questi sono rifiuti cessati (ad esempio Ammendante Compostato e biometano);
    3. Il perimetro della regolazione riguarda solo i rifiuti (nei vari passaggi dalla raccolta al trattamento) e non i rifiuti cessati, quindi i prodotti e loro derivati;
    4. Devono essere invece considerati gli eventuali ricavi derivanti dalla vendita di sostanze od oggetti che abbiano ancora la qualifica di rifiuto (ad esempio, eventuali ricavi da vendita di metalli separati in fase di raffinazione del compost).

 

Nel corso dell’incontro ARERA ha manifestato vivo interesse a collaborare in futuro con il CIC per acquisire informazioni utili a conoscere meglio il settore del riciclo dei rifiuti organici, anche nella prospettiva di introdurre elementi di chiarezza e semplificazione nel percorso di regolazione tariffaria.

 

Con l’auspicio di aver contribuito a fare la necessaria chiarezza, porgiamo i nostri cordiali saluti.

 Il Direttore

Massimo Centemero

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn

C.I.C. - Consorzio Italiano Compostatori

Sede legale
Via Boncompagni 93 –  00187 Roma

Sede operativa
Via Dalmazia, 2 – 24047 Treviglio  (BG)

Tel. +39 06-68584295 – Fax. +39-0363-1801012

E-mail: cic@compost.it

PEC: consorzioitalianocompostatori@legalmail.it

CHI E’ IL CIC

Il Consorzio Italiano Compostatori è un’organizzazione senza fini di lucro che si occupa di promuovere e valorizzare le attività di riciclo della frazione organica dei rifiuti dei sottoprodotti e ha come finalità la produzione di compost e biometano.

Approfondisci 

DIVENTA SOCIO CIC

ll Consorzio Italiano Compostatori riunisce e rappresenta diverse tipologie di soci, suddivisi in tre diverse categorie: Soci Ordinari, Soci Aderenti, Soci Ordinari di Categoria. Tutti i consorziati beneficiano dei servizi di gestione e promozione delle attività offerti dal CIC.

Scopri come diventare Socio.

Copyright © 1999 – 2021 – All Rights Reserved C.I.C. – Consorzio Italiano Compostatori | P.Iva: 01813631205 – Reg. Imprese Roma e C.F.:01403130287