AGCM interviene sui residui vegetali PDF Stampa E-mail
Mercoledì 27 Giugno 2018 13:18

A seguito di una segnalazione del CIC, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha formulato alcuni rilievi sulle possibili distorsioni della concorrenza derivanti dalla modifica all’Art. 185 del DLgs 75/2006 ad opera della Legge 154/2016, che ha ampliato il novero dei residui vegetali esclusi dal regime dei rifiuti. L’AGCM afferma che la disciplina interna, in contrasto con il diritto europeo, si presta a distorsioni nella gestione delle risorse, a sfavore delle imprese che utilizzano gli scarti vegetali come input nell’ambito di filiere di riciclo tracciate e controllate, e quindi a un rischio di compromissione di un corretto sviluppo dei diversi mercati attivati dalla raccolta differenziata.

Ha auspicato quindi l’opportunità di abrogare l’attuale lettera f) del comma 1 dell’articolo 185 del decreto legislativo n. 152/2006, allineandone i contenuti a quanto previsto dalla pertinente normativa comunitaria (direttiva 2008/98/CE).

 

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e gestire la tua navigazione all'interno di questo sito. I cookies necessari all'essenziale funzionamento del sito sono già stati installati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la Cookies & Privacy policy. Clicca sul pulsante Agree - Confermo in fondo a questo box per proseguire la navigazione e acconsentire all’uso dei cookies.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our Cookies & Privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information