News
IL CIC premia "il COMUNE PIU' ORGANICO" - edizione 2014 PDF Stampa E-mail
Venerdì 05 Settembre 2014 00:00

Il giorno 11Settembre sono stati premiati a Padova i vincitori del Premio "Il Comune più organico", dedicato alle amministrazioni comunali che si sono distinte per avere attuato sul loro territorio politiche informative e operative rivolte alla filiera riduzione-recupero-riciclo dei rifiuti biodegradabili e compostabili.

Il premio è giunto alla II edizione ed è patrocinato anche dal CIC- Consorzio Italiano compostatori.


Gli enti nominati vincitori sono:
Comune di Lusiana (VI) per la 1a Categoria - Comuni fino a 5.000 abitanti
Comune di Forte dei Marmi (LU) per la 2a Categoria - Comuni da 5.000 a 15.000 abitanti Comune di Este (PD) per la 3a Categoria - Comuni da 15.000 a 50.000 abitanti
Comune di Forlì (FC) per la 4a Categoria - Comuni oltre 50.000 abitanti

La Giuria ha così valorizzato e premiato le azioni sistematiche di promozione e sostegno del compostaggio domestico, di promozione dell’impiego di prodotti secondo la pratica del GPP, la raccolta domiciliare della frazione organica, l’impiego di prodotti riutilizzabili in mense comunali e sagre di paese, la sistematica distribuzione di sacchetti biodegradabili e compostabili alla cittadinanza.


Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Maggio 2016 17:43
 
SIENAMBIENTE - migliorare la raccolta differenziata PDF Stampa E-mail
Giovedì 28 Agosto 2014 17:13

Siena, 28/8/2014

Il direttore tecnico degli impianti di Sienambiente, Fabio Menghetti, ha spiegato in una recente intervista quali sono i rifiuti (bombole di gpl, vernici etc …) che possono causare rischi, sia per l’ambiente che per i lavoratori. Sienambiente con la campagna di sensibilizzazione "tutela gli impianti, proteggi l’ambiente" ha chiesto ai cittadini di evitare conferimenti non corretti. Questi ultimi possono infatti influire negativamente sui processi produttivi ma anche, e soprattutto, possono incidere sulla sicurezza degli operatori delle strutture.

Approfondisci la news

Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Aprile 2016 11:52
 
Sfalci e potature dei giardini servono per il compostaggio PDF Stampa E-mail

Scritto da Gianluigi Torchiani il 18 Ddicembre 2013

Il complesso mondo delle biomasse si presta a un’ampia varietà  di possibili utilizzi, non soltanto quello energetico: il legname dei boschi può essere impiegato, ad esempio, nelle industrie del mobile o nell’edilizia, tanto che in passato i produttori di energia da biomasse agroforestali hanno più volte lamentato la scarsità  di materia prima. Un problema oggi parzialmente risolto, grazie a una maggiore acquisizione di scarti dalla manutenzione forestale, ma un altro fronte resta aperto, quello della destinazione d’uso dei resti degli sfalci e delle potature dei giardini pubblici e privati, che gli operatori del settore (tra cui Fiper) chiedono di poter impiegare a fini energetici. Attualmente questa possibilità  non esiste ancora: le normative in vigore prevedono che per gli scarti organici da manutenzione del verde pubblico e privato debba applicarsi la normativa sui rifiuti, come peraltro indicano le direttive europee.

Il Governo, in realtà , nell’estate 2012, sembrava essere andato nella direzione indicata da Fiper, con il Dm del 6 luglio 2012, ma l’emanazione del decreto che dia il via libera definitivo alla valorizzazione energetica dei sottoprodotti a tutt’oggi (settembre 2013) non è ancora arrivato. Favorevole al mantenimento dello status quo è invece il Cic, il Consorzio italiano compostatori, secondo cui un provvedimento di questo tipo rischia di nuocere profondamente al settore del compostaggio. Quest’ultimo è una tecnica attraverso la quale viene controllato, accelerato e migliorato il processo naturale a cui va incontro qualsiasi sostanza organica per effetto della flora microbica naturalmente presente nell’ambiente. Si ottiene così il compost, un prodotto biologicamente stabile ricco di humus, adatto ai più svariati impieghi agronomici, dal florovivaismo alle colture praticate in pieno campo.

Il rifiuto verde dei giardini privati e pubblici è considerato dal Cic come fondamentale per il compostaggio: dunque, il via libera al loro impiego a fini energetici, sottolinea il Cic, comporterebbe una "pesante compromissione di un consolidato sistema di gestione dei rifiuti urbani efficiente, sostenibile e virtuoso, oltre che la penalizzazione di un sistema di gestione esente da qualsiasi contributo pubblico, a vantaggio di un sistema di gestione che si regge sugli incentivi". Altri rischi sottolineati sono l’aumento dei costi ambientali dovuti al trasporto, poiché le centrali a biomasse sono considerate poche e disomogenee sul territorio, mentre gli impianti di compostaggio sono diffusi in modo capillare. Senza contare la diminuzione dei benefici nella lotta alla riduzione dell’effetto serra, poiché con il compost si porta carbonio al suolo. Insomma, secondo il Cic le proposte di modifica del Codice Ambientale

per autorizzare l’impiego energetico degli sfalci e delle potature sono da respingere, in quanto non sarebbero garantiti gli obiettivi di sostenibilità  ambientale, economica e delle risorse, oltre che gli interessi particolari del settore compostaggio. Senza dimenticare la direttiva comunitaria 2008/98/Ce: secondo il Consorzio, una normativa nazionale favorevole all’uso energetico sarebbe palesemente in contraddizione con la fonte europea e avvierebbe probabilmente una procedura d’infrazione, l’ennesima in materia ambientale per il nostro paese.

 


 
Bioshopper: azioni di controllo PDF Stampa E-mail
Domenica 15 Giugno 2014 11:53

Facendo seguito al divieto di commercializzazione di shopper monouso non biodegradabili e compostabili (Legge di conversione n. 116/2014 del D.L. Competitività  n. 91/2014) sono iniziate azioni di controllo per frode in commercio per tutte la aziende che producono e distribuiscono prodotti non conformi e non certificati secondo la norma UNI EN 13432:2002.

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Aprile 2016 11:48
 
Assobioplastiche: Gare per acquisto sacchetti compostabili per la raccolta delle frazioni organiche PDF Stampa E-mail

Vedi il PDF sul sito Assobioplastiche:

Gare per acquisto sacchetti compostabili per la raccolta delle frazioni organiche

 

 

 
<< Inizio < Prec. 21 22 23 24 25 26 27 28 Succ. > Fine >>

Pagina 24 di 28

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e gestire la tua navigazione all'interno di questo sito. I cookies necessari all'essenziale funzionamento del sito sono già stati installati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la Cookies & Privacy policy. Clicca sul pulsante Agree - Confermo in fondo a questo box per proseguire la navigazione e acconsentire all’uso dei cookies.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our Cookies & Privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information